Mecenatismo e Arte pubblica

by Verardi Art Advisor, 22 aprile 2016

A partire dall’epoca classica la figura del mecenate definisce una personalità contraddistinta da “generosità individuale con finalità pubblica”, nella quale converge il riconoscimento di doti morali come la dignitas e che indica un modello etico da prendere a esempio. Dalle interviste effettuate ai nuovi mecenati, siano essi privati, società o associazioni, è emerso quanto ciascuna di queste realtà interpreti la missione secondo la propria vocazione e i propri vincoli statutari e come ciascuna meriti un riconoscimento specifico, perché l’obiettivo è sempre valorizzare e rendere fruibile l’arte, le cui ricadute positive sono oggettive, indipendentemente dalle ragioni che hanno spinto il singolo soggetto a intervenire.

Anche la realizzazione di un progetto di mecenatismo deve però affrontare i limiti tipici del mercato dell’arte, gli ostacoli imposti dalla definizione stessa di pubblico e gli aspetti legali e burocratici che governano il nostro paese. Un percorso necessario che va affrontato con professionalità per non sminuire l’impegno del nuovo mecenate, qualunque sia l’obiettivo che lo governi.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi